GRATIS 2 PUBBLICAZIONI

(-50% a pubblicazione)

39,00

Sei iscritto al programma Selection?

Comunicare con l'anziano

La comunicazione con l’anziano non è sempre un processo linguistico verbale intuibile. Esistono infatti inferenze che possono risultare filtri di input (quanto si comprende, perciò si parla di sordità, deficit cognitivi dementigeni ecc.) o di output (quanto si produce, che può essere reso difficoltoso ad esempio per disartria, disfonia, integrità e motilità delle strutture orali, afasia). Da ciò non va trascurato, ovviamente, il fattore dell’emotività del paziente senile, e di altre comorbilità non altrove citate come malattia psichiatrica, estemporanei malesseri dovuti ad etiologia clinica o ambientale, e quant’altro possa rendere lo scambio comunicativo più complesso.

Confronta gli articoli

Confrontare